Blog Archives

Travolto da un’auto e multato
A rischio anche il risarcimento

Rassegna stampa0 comments

Articoli del 12 luglio 2016. Da Il Giornale del Piemonte, Cronaca Qui, La Repubblica.

Gravissima responsabilità di INTESA SAN PAOLO per il furto avvenuto presso l’Agenzia 4 di Torino Corso Peschiera:
Sì al risarcimento oltre al massimale assicurato di € 10.000,00

Approfondimenti, Approfondimenti: Investimenti finanziari - Tutela del risparmio, In evidenza0 comments

intesa_ag4E’ indubbia la responsabilità di Banca Intesa San Paolo per il maxi-furto avvenuto all’interno dei locali dell’Agenzia 4 di Torino, in occasione del quale sono stati sottratti i beni custoditi nelle cassette di sicurezza e nel caveau per diversi milioni di euro.

Infatti, salvo il caso fortuito che però non si configura nel caso in esame, specie alla luce delle modalità con cui si sono svolti i fatti, la banca risponde per omessa custodia ed omessa diligenza, qualora, nel fornire il servizio delle cassette di sicurezza, non garantisca adeguati livelli di protezione agli utenti.

L’istituto bancario non potrà negare l’integrale risarcimento del danno invocando la clausola limitativa della responsabilità contenuta nel “contratto di concessione in uso di cassetta di sicurezza” sottoscritto tra Intesa SANPAOLO S.p.a. e ciascun utente, che prevede un massimale assicurativo di € 10.000,00.

Tale clausola è infatti palesemente vessatoria, e quindi nulla.

L’utente danneggiato dovrà fornire la prova del valore dei beni contenuti nella propria cassetta di sicurezza, al fine di ottenere il risarcimento integrale del danno, anche oltre i limiti di polizza previsti.

Avv. Elisabetta Capello – Avv. Ludovica Ambrosio

 info@ambrosioecommodo.it

tel. 011-54.50.54

Auto “mine vaganti” con polizze straniere
Prezzi stracciati ma zero risarcimenti

Rassegna stampa0 comments

Riportiamo nel seguente articolo, pubblicato da Repubblica il 22/03/2016, il caso di una coppia falciata sul marciapiede.

Nasce l’allarme per le assicurazioni non italiane: alcune compagnie sono illegali, altre hanno massimali irrisori. E tutto a scapito dei danneggiati.

Il diritto non fa distinzioni tra le cause dell’inabilità

Rassegna stampa0 comments

Intervista all’avv. Renato Ambrosio.

 

DISASTRO AEREO SUL SINAI – Russian Version

Approfondimenti, Focus on, In evidenza, Russian0 comments

АВИАКАТАСТРОФА НА СИНАЕ: ПОГИБЛИ 224 РОССИЯНИНА

Продолжается расследование, которое должно будет установить причины крушения пассажирского лайнера Airbus A321 российской авиакомпании “Когалымавиа”, унесшего жизни 224 человек.

В этот момент боли, скорби и неопределённости важно, чтобы родственники жертв катастрофы рейса Metrojet номер 7K9268 учитывали некоторые аспекты, которые зарекомендовали себя в качестве полезных инструментов  на основе особого опыта в ведении исков по авиакатастрофам, носящим международный характер, а в частности, четыре кратких нижеизложенных пункта:

  1. Родственники жертв должны быть крайне осторожны, предоставляя информацию, касающуюся понесённого ими ущерба и утрат лицам, к которым они не испытывают полного доверия.
  1. Они должны производить поиск и отбор квалифицированной правовой помощи и мнений, не нарушающих их права и позволяющих получить наибольшую защиту в любой инстанции. Только с помощью определённых судебных инициатив, включающих иски о возмещении ущерба, учитывающие степень вины несущих ответственность лиц (денежное возмещение в виде наказания ответчика для примера, возмещение вреда, отягчённого действиями лица, ответственного за вред), адвокаты и жертвы авиакатастрофы, подобной крушению борта Metrojet могут способствовать предотвращению возникновения в будущем аналогичных трагедий, посылая таким образом чёткий сигнал страховым и авиа-компаниям и органам власти.
  1. В качестве основного правила, в их собственных интересах, родственникам пострадавших следует избегать подписания отказов, освобождений от обязательств, согласий и любого другого типа документов, представленных им на подпись страховыми агентами. Возмещение потенциальных убытков становится исключительной ответственностью страховщика рейсов авиакомпании, а следовательно, с его стороны будут предприняты все попытки максимально снизить размер нанесённого вреда, подвергая наследников потерпевших ещё большему ущербу. Опыт показывает, что страховые компании стремятся снизить размер возмещения вреда именно в отношении третьих лиц, то есть вреда, причиненного при воздушной перевозке жизни или здоровью пассажиров, предлагая жертвам в кратчайшие сроки выплату денежных компенсаций, размер которых гораздо ниже действительного размера задолженности.
  1. Учитывая данную точку зрения, наш опыт позволяет нам утверждать, что нужно также остерегаться необычного союза некоторых ассоциаций потребителей и страховщиков, предлагающих быстрое денежное урегулирование в одинаковом для всех размере, предшествующее предварительному ознакомлению с развитием событий и степенью ответственности. Наследники жертв должны знать, что в результате особого, досконального исследования каждый из них имеет полное право на возмещение понесённого имущественного и неимущественного ущерба, сопровождаемого, в случае необходимости, при выявлении нанесённого им психологического вреда, поддержкой судебно-медицинских экспертов. Только квалифицированная юридическая помощь может обеспечить полное понимание реальной цепи событий, приведших к катастрофе, степени ответственности вовлечённых в происшествие лиц и следовательно, и размера ущерба, подлежащего возмещению.

Юридическая фирма «Амброзио и Коммодо» вела споры по некоторым из крупнейших в новейшей истории авиакатастроф и кораблекрушений. Компания имеет представительства в странах всего мира, включая Египет и Россию, что позволяет обеспечить непосредственный, межграничный подход к решению проблем явного международного характера.

Для получения более подробной информации Вы можете связаться с адвокатами Стефано Коммодо (stefanocommodo@ambrosioecommodo.it), Стефано Бертоне (bertone@ambrosioecommodo.it) и Джино Арноне (arnone@ambrosioecommodo.it).



Юридическая фирма «Амброзио и Коммодо» была создана в 1983 году благодаря многолетнему сотрудничеству двух партнеров – адвокатов Стефано Коммодо и Ренато Амброзио, зародившемуся еще в 1977 г., сразу же после окончания  ими юридического факультета Туринского университета.
Оба партнера  убеждены в том, что для предоставления качественных юридических услуг необходима специализация в определенной области, в связи с чем с момента создания фирмы, в качестве основного направления деятельности была выделена отрасль гражданского права.

Штат сотрудников непрерывно пополняется и на сегодняшний день он достиг 40 профессионалов, ведущих свою деятельность в таких областях гражданского права как:

  • Гражданско-правовая ответственность и возмещение вреда;
  • Торговое и корпоративное право;
  • Договорное право и составление международных договоров;
  • Инвестиционное право;
  • Трудовое право;
  • Семейное и наследственное право (включая международные семейные отношения);
  • Международный коммерческий арбитраж.

С 2010 года  мы являемся членом Итало-Российской Торговой Палаты в Милане, вследствие чего мы уделяем особое внимание развитию экономических отношений между Россией и Италией, предоставляя гражданам Российской Федерации и стран территории СНГ услуги учреждённой нами в 1996 году профессиональной сети юридических фирм, осуществляющих свою деятельность как по всей Италии, так и за её пределами. Сеть основана на сотрудничестве и обмене опытом в целях предоставления профессиональных услуг в различных правовых сферах.

Отношения, развитые фирмой «Амброзио и Коммодо» с международными и итальянскими партнерами позволяют нам обеспечивать комплексное сопровождение сложных международных проектов, сохраняя при этом оптимальное соотношение цены и качества и поддерживая тем самым устойчивое и динамичное развитие бизнеса наших клиентов.

Наша фирма оказывает полный спектр услуг по организации и развитию бизнеса в Италии и  России, включая услуги по:

  • Внешнеторговому арбитражу, регистрации юридических лиц и индивидульных предпринимателей в Росси и Италии;
  • Открытию счетов юридических и физических лиц;
  • Получению въездных виз, видов на жительство и разрешений на работу в России;
  • Ведению переговоров между итальянскими и российскими компаниями;
  • Составлению коммерческих и гражданско-правовых договоров;
  • Подготовке и сбору всей необходимой документации для осуществления деятельности в соответствии с  законодательствами Италии и России;
  • Ведению судебных процессов в государственных судах различных юрисдикций, третейских и международных арбитражных судах;
  • Представительству юридических и физических лиц в государственных органах обеих стран.

Раздел правововой защиты и помощи в случае причинения вреда (дорожно-транспортные происшествия, производственный травматизм, ответственность медицинского персонала, кораблекрушения, авиактатстрофы, железнодорожные происшествия, и т.д.) гражданам Российской Федерации и стран СНГ на территории Итальянской республики.

Отправляясь за рубеж, как на отдых, так и в деловую поездку, большинство россиян может столкнуться  со значительными сложностями в общении не только с местным населением, но и с должностными лицами и представителями различных коммерческих структур. Действительно, в чужой стране зачастую трудно найти правильную информацию, и в случае таких неприятных обстоятельств, как получение травмы в результате несчастного случая, дорожно-транспортное происшествие, авиактатстрофа,  кораблекрушение, железнодорожное происшествие, занесение инфекции в медицинском учреждении, ответственность медицинских работников за профессиональные правонарушения, и т.д., значительно увеличивается вероятность оказаться в затруднении.

В последние годы наблюдается постоянный рост числа несчастных случаев, включая случаи с летальным исходом, среди туристов из России и стран СНГ. Высокий показатель неприятных и, более того, трагических ситуаций может рассматриваться как неустранимый риск жизни и здоровью в ходе любой поездки или временного пребывания на территории Италии.

По этой причине юридическая фирма «Амброзио и Коммодо» предлагает  гражданам Российской Федерации и стран СНГ свой опыт в правовой помощи по взысканию вреда жизни и здоровью, применяя наиболее благоприятное итальянское законодательство (по возможности) на территории страны происхождения (Российской Федерации и других стран СНГ).

И действительно, крайне важна оценка возможности защиты прав и размера возмещения  ущерба в случае несчастного случая, произошедшего на итальянской территории, несмотря на существование какого бы то ни было страхового полиса, составленного перед прибытием в Италию, насколько бы полным он не казался.

Юридическая фирма «Амброзио и Коммодо», основанная в 1983 году и отметившая недавно свой 30-летний юбилей,  осуществляет свою деятельность на международном уровне, постоянно совершенствуя своё мастерство в сфере исков о возмещении личного ущерба.

Фирма является членом Итало-Российской Торговой Палаты и включает в свой состав «Российский отдел», предоставляющий российским гражданам и предприятиям  необходимую помощь  как в деловой и инвестиционной сфере, так и в области возмещения личного ущерба, включая решение проблемы  языкового барьера и обеспечивая таким образом индивидуальный подход к каждому правовому спору.

В частности, наша юридическая фирма предоставляет свой профессиональный опыт в распоряжение граждан Российской Федерации и стран СНГ в следующих сферах:

  • Дорожно-транспортные происшествия с причинением материального и физического вреда, включающие наземный, железнодорожный, воздушный и водный транспорт;
  • Производственный травматизм;
  • Ответственность медицинского персонала и органов здравоохранения;
  • Ответственность за вред, нанесённый животными и предметами, подлежащими хранению в особых условиях;
  • Профессиональная ответственность;
  • Клевета, распространяемая в средствах массовой информации;
  • Нарушение прав вкладчиков и потребителей.

Для получения более подробной информации посетите наш сайт: www.ambrosioecommodo.it

Будем рады ответить на любые вопросы и предложения.

DISASTRO AEREO SUL SINAI: 224 VIAGGIATORI RUSSI DECEDUTI

Approfondimenti, Focus on, In evidenza, Russian0 comments

Proseguono le indagini per verificare le cause dello schianto dell’Airbus A321 della compagnia russa Kogalymavia, che ha provocato la morte di 224 persone.

In questo momento di grande dolore ed incertezze, è importante che i familiari delle vittime del volo Metrojet numero 7K9268 tengano presente alcuni aspetti, che si sono già rivelati utili sulla base dell’esperienza specifica in incidenti aerei con caratteristiche internazionali, in particola cercando di sintetizzare vanno tenuti in considerazione i seguenti 4 punti:

  1. I familiari dovranno essere estremamente cauti nel rilasciare informazioni relative ai loro danni e perdite a chicchessia che non goda della loro più completa fiducia.
  1. Dovranno ricercare e selezionare pareri e assistenza legale qualificati in modo da non compromettere i loro diritti e di poter ottenere la migliore tutela possibile in ogni sede. E’ solo attraverso iniziative giudiziarie determinate, con richieste risarcitorie che tengano conto della gravità delle colpe dei responsabili (danno punitivo, danno aggravato dalla condotta) che avvocati e vittime di un sinistro aereo come quello della Metrojet potranno contribuire a scongiurare nel future nuove tragedie simili, mandando così un segnale chiaro a compagnie aeree, alle compagnie di assicurazione ed alle autorità.
  1. Come regola generale, nel loro interesse, è fondamentale evitare nel modo più assoluto di sottoscrivere rinunce, liberatorie, accettazioni, o qualsivoglia tipo di documento loro sottoposto dagli assicuratori. L’esposizione debitoria degli assicuratori del volo è destinata a diventare eccezionale, e verrà effettuato ogni tentativo di diminuirla il più possibile ad ulteriore danno degli eredi dei passeggeri. L’esperienza ci insegna che i danni verso terzi, e quindi i danni verso le persone trasportate, sono quelli che più di tutto le compagnie assicurative mirano a ridurre, offrendo alle vittime somme di denaro in tempi estremamente brevi, ma ampiamente al di sotto del reale debito.
  1. Da questo punto di vista, la nostra esperienza ci fa dire che bisognerà diffidare anche dall’insolita alleanza fra alcune associazioni di consumatori e gli assicuratori, che offrono veloci soluzioni monetarie uguali per tutti prima ancora che si sappia come si sono svolti i fatti e quanto gravi sono le responsabilità: è importante invece che gli eredi delle vittime siano consapevoli che ciascuna di loro ha un diritto pieno, frutto di un’analisi specifica e dettagliata dei danni sofferti, sia patrimoniali che non patrimoniali, se necessario con il supporto di esperti medici legali quando si verificano danni di natura psicologica a loro carico. Soltanto un’assistenza legale qualificata e esperta può quindi garantire di comprendere la reale catena di eventi che ha portato al disastro, le responsabilità dei soggetti coinvolti e quindi la ampiezza dei danni da risarcire.

Lo studio legale Ambrosio & Commodo si è occupato di alcuni tra i maggiori disastri aerei e navali della recente storia ed ha corrispondenti in tutto il mondo, compreso l’Egitto e la Russia, il che consente un immediato  approccio transfrontaliero nella soluzione di un problema che ha evidenti connotazioni internazionale.

Per ulteriori approfondimenti contattare gli avvocati Stefano Commodo (stefanocommodo@ambrosioecommodo.it), Stefano Betrtone (bertone@ambrosioecommodo.it) e Gino Arnone (arnone@ambrosioecommodo.it).

Divorzio breve: è legge dal maggio 2015

Approfondimenti: Famiglia – Separazioni – Eredità0 comments

E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale 11 maggio 2015, n. 107 la legge sul c.d. Divorzio breve (Legge 6 maggio 2015, n. 55), che interviene sulla disciplina della separazione e del divorzio, riducendo i tempi per la domanda di divorzio, originariamente fissati dal legislatore in tre anni dalla dall’udienza di comparizione dei coniugi avanti al Presidente nei procedimenti di separazione.

L’intervento legislativo completa il quadro delle misure acceleratorie in materia di divorzio e di separazione, introdotte dalla legge 10 novembre 2014, n. 162 di conversione in legge del decreto legge 12 settembre 2014, n. 132 – recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile – che ha previsto la possibilità di sostituire il procedimento di fronte al tribunale mediante la negoziazione assistita da avvocati e gli accordi di separazione e divorzio conclusi davanti all’ufficiale dello stato civile.

La legge interviene con soli tre articoli che apportano due significativi cambiamenti: l’anticipazione della domanda di divorzio e l’anticipazione dello scioglimento della comunione.

Anticipazione della domanda di divorzio

L’art. 1 della nuova legge modifica l’art. 3 comma 1 lett. b n. 2 della legge n. 898/1970 che disciplina i casi di scioglimento del matrimonio.

Nelle separazioni giudiziali:

  • si riduce da tre anni a dodici mesi la durata minima del periodo di separazione ininterrotta dei coniugi che legittima la domanda di divorzio;
  • il termine decorre – come attualmente previsto – dalla comparsa dei coniugi di fronte al Presidente del Tribunale nella procedura di separazione personale.

Nelle separazioni consensuali, anche in caso di trasformazione da giudiziale in consensuale:

  • si riduce a sei mesi la durata del periodo di separazione ininterrotta dei coniugi che permette la proposizione della domanda di divorzio;
  • il termine decorre  dalla comparsa dei coniugi di fronte al Presidente del tribunale nella procedura di separazione personale.

I sei mesi decorrono inoltre, pur non essendo specificato nel testo di legge, dalla data certificata nell’accordo di separazione raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita da avvocati ovvero dalla data dell’atto contenente l’accordo di separazione concluso innanzi all’Ufficiale dello stato civile.

Scioglimento anticipato della comunione legale

L’art. 2 modifica l’art. 191 c.c. inserendo un’ulteriore comma che prevede lo scioglimento della comunione legale: in caso di separazione giudiziale, nel momento in cui il Presidente del Tribunale autorizza i coniugi a vivere separati, in caso di separazione consensuale, dalla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione dei coniugi dinanzi al Presidente, purché successivamente omologato.

Fino ad oggi la comunione legale si scioglieva con il passaggio in giudicato della sentenza di separazione giudiziale o del decreto di omologa della separazione consensuale. Il che comportava molteplici conseguenze di ordine negativo. In primo luogo il rischio che il patrimonio comune rimanesse immobilizzato. Gli acquisti compiuti da un solo coniuge sino al passaggio in giudicato della sentenza di separazione potevano cadere in comunione ed era possibile per un coniuge disporre dei beni comuni sottraendo sostanze al patrimonio familiare.

La Cassazione aveva riconosciuto la possibilità di avanzare la domanda di divisione anche se non fosse ancora formato il giudicato sulla sentenza di separazione, purché questo requisito sussistesse al momento della pronuncia di divisione (Cass. Civ. n. 4757/2010).

La riforma legislativa consente quindi di definire fin da subito i rapporti patrimoniali tra coniugi in regime di comunione legale.

Lo stesso articolo della legge di riforma aggiunge una previsione di natura procedurale secondo cui l’ordinanza con la quale i coniugi sono autorizzati a vivere separati è comunicata all’ufficiale dello stato civile ai fini dell’annotazione dello scioglimento della comunione sull’atto di matrimonio.

Con la riforma, si è voluto ridurre lo spatium deliberandi per un’eventuale riconciliazione o ripensamento. Il nostro legislatore non ha ritenuto però di fare l’ulteriore passaggio verso il c.d. divorzio diretto ovvero di eliminare la fase della separazione per giungere fin da subito allo scioglimento del vincolo matrimoniale.

La Commissione giustizia del Senato aveva proposto l’aggiunta di un altro comma all’art. 1 del disegno di legge che prevedeva l’inserimento di un nuovo articolo 3 bis della legge n. 898/1970, col quale si dava libero accesso alla domanda di divorzio anche in assenza di separazione legale. Il cosiddetto Divorzio diretto sarebbe stato possibile soltanto per le coppie senza figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o figli di età inferiore ai ventisei anni economicamente non autosufficienti, mediante un ricorso congiunto presentato esclusivamente all’autorità giudiziaria competente. In Aula la disposizione non è passata, è stata stralciata dal testo poi tornato all’altro ramo del Parlamento, ed è diventato un autonomo disegno di legge (il n. 1504 bis) ancora pendente con un proprio iter.

 

RISARCIMENTO DEL DANNO: SUPERATI I MASSIMI TABELLARI

Approfondimenti: Risarcimento danni – Responsabilità civile0 comments

Il Tribunale di Torino ha riconosciuto un risarcimento multimilionario e ultra tabellare ai familiari dello studente rimasto ucciso nel crollo di un controsoffitto al liceo Darwin di Rivoli, tragedia balzata tristemente all’onore della cronache.

La somma è stata posta carico della ex Provincia di Torino (ora Città metropolitana).

Viene di fatto riconosciuto il danno aggravato dalla condotta, elaborato dallo Studio Legale Ambrosio & Commodo, ossia la tesi che prevede:

  • Maggiore la gravità della colpa o del dolo, maggiore il risarcimento del danno.
  • Inammissibilità di limiti massimi al risarcimento del danno alla persona
  • Funzione sociale del risarcimento che fa sì che il risarcimento debba essere avvertito come la somma adeguata al determinato contesto storico nell’ottica del diritto vivente
  • Tabelle risarcitorie previste solo per i casi standard
  • La personalizzazione del danno non patrimoniale non è sufficiente a tenere in considerazione tutte le circostanza del caso concreto.

La sentenza mostra grandissimo rispetto verso la vittima ed i suoi parenti, che rifiutando le offerte, sovrapponibili ai massimi tabellari, sono andati a processo perché indisponibili ad accettare che  il loro caso, certamente singolare, fosse uniformato ai consueti parametri tabellari.

Nel riconoscere la fondatezza delle pretese dei superstiti di quella tragedia, Il Tribunale di Torino ha risarcito quindi un danno svincolato dai massimi tabellari, cui attualmente si parametrano tutti i tribunali italiani, segnando così una progressione degna di nota nella tutela risarcitoria delle vittime di illeciti caratterizzati da dolo o colpa grave.

Una sentenza che potrebbe servire anche garantire maggior sicurezza negli istituti scolastici italiani, posto che il giovane studente è stato definito dal magistrato come «emblema nella coscienza collettiva» dell’insicurezza nell’edilizia scolastica.

Di seguito alcune delle massime della sentenza che testimoniano l’importanza del precedente.

«la straordinarietà della tragedia e il contesto in cui è avvenuta (crollo in un’aula scolastica di un controsoffitto e dei tubi di ghisa ivi abbandonati) non sono privi di rilievo nella loro incidenza sull’entità del danno patito dai congiunti»

«Le esposte considerazioni attribuiscono dunque alla vicenda nel suo complesso quell’eccezionalità che […] NON SOLO GIUSTIFICA MA RENDE DOVEROSO l’adeguamento della liquidazione al caso concreto: […] la relativa quantificazione deve essere tanto più elevata quanto più grave risulti il vulnus alla situazione soggettiva tutelata dalla Costituzione inferto al danneggiato, e tanto più articolata quanto più esso abbia comportato un grave o gravissimo, lungo o irredimibile sconvolgimento della qualità e della quotidianità della vita stessa».

«Ma soprattutto la peculiarità del caso concreto attiene al profilo dello sconvolgimento esistenziale (anche con riferimento al secondo parametro di graduazione indicato nelle note esplicative: ‘qualità e intensità della relazione familiare affettiva residua’) »

  «l’eccezionalità ed unicità del caso per tutti i motivi esposti sub a) e b), e qui da intendersi richiamati, rilevanti in termini di intensità della sofferenza, di incapacità di superare il trauma per un evento percepito come ingiusto ed assurdo e di drammaticità dello sconvolgimento esistenziale, giustifica un parimenti eccezionale incremento dei massimi tabellari che si ritiene congruo nella misura del 50%»

«La valutazione equitativa è diretta a determinare “la compensazione economica socialmente adeguata” del pregiudizio, quella che “l’ambiente sociale accetta come compensazione equa…Alla nozione di equità è consustanziale l’idea di adeguatezza e di proporzione. Ma anche di parità di trattamento. Se infatti in casi uguali non è realizzata la parità di trattamento, neppure può dirsi correttamente attuata l’equità, essendo la disuguaglianza chiaro sintomo della inappropriatezza della regola applicata’»

Bail-in: cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Approfondimenti: Investimenti finanziari - Tutela del risparmio0 comments

C’è una novità nei rapporti tra i clienti e gli istituti di credito, ancora non molto noto ma tale da imporre un cambio radicale delle attenzioni da porre nella scelta della propria banca.

Il Governo italiano ha infatti recentemente approvato le nuove regole sulla risoluzione delle crisi bancarie, sotto forma di un decreto attuativo della direttiva europea UE 2014/59 per il risanamento e la risoluzione del settore creditizio e degli intermediari finanziari, altrimenti denominata “BRRD” (Bank Recovery and Resolution Directive).

Banca d’Italia è stata designata quale autorità di risoluzione italiana per l’esercizio delle funzioni di risoluzione.

Il ‘bail-in’, il salvataggio delle banche ad opera di azionisti, arriva così anche in Italia: a partire dal primo gennaio 2016, il salvataggio di un istituto di credito non avverrà più con soldi pubblici dello Stato e/o delle banche centrali (come è stato sino a oggi), ma attraverso la riduzione del valore delle azioni e di alcuni crediti (come quelli dei correntisti che abbiano depositato più di 100mila euro) o la loro conversione in azioni, per assorbire le perdite e ricapitalizzare la banca in misura sufficiente a risolvere la crisi e a mantenere la fiducia del mercato.

Per decenni il conto dei dissesti creditizi è stato ripianato dagli Stati, con il ricorso alla fiscalità o ai Fondi di garanzia, come avvenuto in molti casi anche in Europa dopo il crack di Lehman Brothers: secondo Eurostat, a fine 2013 gli aiuti ai sistemi creditizi nazionali per reggere l’urto della crisi finanziaria globale avevano accresciuto il debito pubblico di quasi 250 miliardi in Germania, quasi 60 in Spagna, 50 in Irlanda e nei Paesi Bassi, poco più di 40 in Grecia, 19 circa in Belgio e Austria e quasi 18 in Portogallo. In Italia il sostegno pubblico è stato di circa 4 miliardi, quindi particolarmente contenuto (fonte: dati Eurostat dicembre 2013).

Dall’anno prossimo, invece, a pagare il conto di errori di gestione ed eventuali illeciti del management saranno chiamati (con svalutazioni progressive) innanzitutto gli azionisti, in subordine gli obbligazionisti e, se non bastassero i loro sacrifici, anche i correntisti (ma, come detto, solo coloro che hanno più di 100mila euro depositati).

Quando una banca può essere sottoposta a risoluzione?

Le autorità di risoluzione potranno sottoporre una banca a tale procedura ove si verifichino le seguenti condizioni: a) la banca è a rischio o si trova in condizione di dissesto; b) non si ritiene che misure alternative di natura privata (ad esempio, aumenti di capitale) o di vigilanza consentano di evitare, in tempi ragionevoli, il dissesto dell’istituto; c) sottoporre la banca alla liquidazione ordinaria non permetterebbe di salvaguardare la stabilità sistemica, di proteggere depositanti e clienti, di assicurare la continuità dei servizi finanziari essenziali.

Le autorità di risoluzione potranno dunque: – vendere una parte dell’attività ad un acquirente privato; trasferire temporaneamente le attività e le passività ad un’entità (cd. bridge bank) costituita e gestita dalle autorità per proseguire le funzioni più importanti, in vista di una successiva vendita sul mercato; – trasferire le attività deteriorate ad un veicolo (c.d. bad bank) che ne gestisca la liquidazione in tempi ragionevoli; – applicare il bail-in, secondo il meccanismo di seguito descritto.

Come funziona il bail-in e quali sono i rischi per i risparmiatori?

Allorché si verifichi il default di una banca, le perdite vengono assorbite seguendo una gerarchia di priorità, la cui logica prevede che chi investe in strumenti finanziari più rischiosi sostenga prima degli altri le eventuali perdite o la conversione in azioni. Solo dopo che siano state esaurite le risorse della categoria più rischiosa, si passerà alla categoria successiva.

In prima battuta saranno, comprensibilmente, i “proprietari” della banca (ossia gli azionisti) a doversi fare carico delle conseguenze del dissesto, riducendo o azzerando il valore delle azioni.  In seguito, i detentori di altri titoli di capitale, gli altri creditori subordinati (ossia coloro che hanno i titoli di debito subordinato, quelli cioè più rischiosi), i creditori chirografari, persone fisiche e piccole e medie imprese titolari di depositi per importi oltre i 100mila euro. Da ultimo, il Fondo di garanzia, che contribuisce al bail-in in luogo dei c.d. “depositanti protetti”.

Giusto per esemplificare, chi vanta un deposito di 200.000 euro non dovrà temere che, all’apparire di una crisi, il suo deposito verrà ridotto o convertito in azioni, se la predetta crisi potrà essere assorbita attingendo dalle risorse degli azionisti.

Vi sono forme d’investimento e di risparmio bancario escluse dal bail-in?

Sono totalmente esclusi dall’ambito di applicazione e non possono quindi essere né svalutati né convertiti in capitale:   1) i depositi protetti dal sistema di garanzia dei depositi, cioè quelli di importo fino a 100.000 euro;   2) le passività garantite, inclusi i covered bonds e altri strumenti garantiti;   3) le passività derivanti dalla detenzione di beni della clientela o in virtù di una relazione fiduciaria, come ad esempio il contenuto delle cassette di sicurezza o i titoli detenuti in un conto apposito;   4) le passività interbancarie (ad esclusione dei rapporti infragruppo) con durata originaria inferiore a 7 giorni;   5) le passività derivanti dalla partecipazione ai sistemi di pagamento con una durata residua inferiore a 7 giorni;   6) i debiti verso i dipendenti, i debiti commerciali e quelli fiscali purché privilegiati dalla normativa fallimentare.

Le attività dei clienti, che quindi corrispondono a passività della banca, non espressamente escluse possono essere sottoposte a bail-in: tuttavia, in circostanze particolari, quando l’applicazione di tale strumento comporti, ad esempio, un rischio per la stabilità finanziaria ovvero possa compromettere la continuità di funzioni essenziali, le autorità possono discrezionalmente escludere ulteriori passività. Tali esclusioni sono soggette a limiti e condizioni approvate dalla Commissione Europea. Le perdite non assorbite dai creditori esclusi in via discrezionale possono essere trasferite al Fondo di risoluzione (la cui funzione principale è quella di finanziare l’applicazione delle misure di risoluzione, attraverso la concessione di prestiti o il rilascio di garanzie) che può intervenire nella misura massima del 5% del totale del passivo, a condizione che sia stato applicato un bail-in pari all’8% delle passività totali.

Cosa rischiano i depositanti?

I depositi fino a 100mila euro, quelli cioè protetti dal Fondo di garanzia, sono esclusi dal bail-in e quindi si possono definire “sicuri”, salvo verificare in concreto l’efficacia di tale garanzia.

Tale protezione riguarda, ad esempio, le somme depositate sul conto corrente o in un libretto di deposito e i certificati di deposito coperti dal Fondo di garanzia; non riguarda, invece, altre forme di impiego del risparmio quali le obbligazioni emesse dalle banche.

Anche per la parte eccedente i 100.000 euro, i depositi delle persone fisiche e delle piccole e medie imprese hanno un trattamento preferenziale: essi infatti sopporterebbero un sacrificio solo nel caso in cui il bail-in di tutti gli strumenti con un grado di protezione minore non fosse sufficiente a coprire le perdite e a ripristinare un livello adeguato di capitale.

I depositi al dettaglio oltre i 100.000 euro possono essere esclusi dal bail-in in via discrezionale, per evitare rischi di “contagio” e preservare la stabilità finanziaria, sempre che il bail-in sia stato applicato ad almeno l’8% del totale delle passività, come sopra descritto.

Come cautelarsi dal rischio di bail-in?

Innanzitutto l’investitore / correntista dovrà porre attenzione al rating, la valutazione delle agenzie internazionali, che però in passato non ha evitato scottature.

Esiste poi, quale altro indice di riferimento, il c.d. consensus degli analisti, ovvero i “consigli” di eventuale acquisto, mantenimento o vendita di un titolo.

E’ in ogni caso necessario che gli investitori prestino attenzione ai rischi che comportano alcune tipologie di investimento, in particolare al momento della loro sottoscrizione.

E’ auspicabile che alla clientela che intende sottoscrivere titoli della banca vengano offerti anzitutto certificati di deposito coperti dal fondo di garanzia in luogo delle obbligazioni, soggette a bail-in. Allo stesso tempo le banche dovranno riservare gli strumenti di debito diversi dai depositi agli investitori più esperti, soprattutto quando si tratta di strumenti subordinati, ossia quelli che sopportano le perdite subito dopo gli azionisti.

Di tutto questo le banche dovranno dare comunicazione tempestiva alla loro clientela; l’informazione andrà fornita, con estremo dettaglio, al momento del collocamento dei titoli di nuova emissione.

E’ quindi ora opportuno che il risparmiatore ricerchi preventivamente consiglio presso professionisti indipendenti, in grado di valutare attentamente quali siano le operazioni maggiormente protette.

Si segnala che il tema sarà oggetto di approfondimento in occasione dell’incontro che si terrà in data 9.11.2015 alle ore 18.00 presso la sede generale torinese di Mediolanum Private Banking, in Torino, Via Giolitti n. 2.

L’Osservatorio Immobiliare del Centro Studi San Carlo – Torino

Approfondimenti0 comments

Segnaliamo all’attenzione dei nostri lettori l’Osservatorio immobiliare, un’interessante progetto recentemente realizzato dal Centro Studi San Carlo di Torino, con la collaborazione anche dello Studio Legale Ambrosio & Commodo.

L’Osservatorio Immobiliare ha come principale obiettivo la ricerca e lo studio dell’evoluzione e delle tendenze legislative e giurisprudenziali nell’ampio settore immobiliare – inerente sia i rapporti privatistici sia i profili amministrativi – e promuove iniziative di studio, formazione e aggiornamento professionale sui temi di maggiore interesse, come la contrattualistica, la mediazione immobiliare ed il diritto condominiale.

L’attività dell’Osservatorio Immobiliare è rivolta a tutti coloro che sono interessati al mercato immobiliare per monitorarne l’andamento e mettere in risalto le opportunità, favorendo l’incontro di operatori italiani e stranieri: tramite il network di contatti esteri che fanno capo all’Osservatorio, i partecipanti potranno ricevere una informazione aggiornata e documentata anche sui mercati immobiliari di altri paesi e sulle relative opportunità di investimento.

In tale prospettiva, il supporto fornito da competenti professionisti e società del settore consente anche ai piccoli e medi risparmiatori  di acquisire informazioni accurate e mirate alle più aggiornate tecniche di investimento immobiliare attraverso l’organizzazione di incontri di aggiornamento, per una migliore conoscenza dei nuovi strumenti finanziari e legali che caratterizzano lo sviluppo del mercato immobiliare.

In questo contesto, diventa quindi fondamentale per l’Osservatorio, mettere a disposizione dei propri partecipanti consulenti di verificata esperienza per la migliore assistenza nella impostazione e nella realizzazione delle diverse iniziative del settore immobiliare, sia nella fase contrattuale che nell’eventualità in cui insorgano problematiche legate alla compravendita degli immobili.

L’attività dell’Osservatorio prevede un calendario annuale di iniziative informative (newsletter e report) e formative (come l’organizzazione di eventi quali conferenze, convegni, seminari, corsi) da realizzarsi con la collaborazione dei partner italiani ed esteri dell’organismo e con la eventuale partecipazione di enti quali le Camere di commercio e di sponsor pubblici e privati.

Fra gli ultimi eventi organizzati dall’Osservatorio, ricordiamo il convegno “Il Condominio e la Privacy”, che sulla scia della riforma del condominio (legge n. 220/2012, in vigore dal 18 giugno 2013) ha disaminato -anche alla luce del  “vademecum” dal titolo “Il condominio e la privacy”, pubblicato dal Garante per la protezione dei dati personali – le tematiche più salienti relative alla  tutela della riservatezza  nella gestione di condominio: dall’amministratore all’assemblea; dalla diffusione dei dati condominiali alla trasparenza di gestione; dalla videosorveglianza al condominio “digitale”.

Per chiunque fosse interessato, segnaliamo che l’Osservatorio Immobiliare organizzerà il prossimo 29 ottobre 2015 alle ore 18.00, presso i locali del Centro Studi San Carlo, un interessante incontro dal titolo “L’Agente immobiliare: diritti e doveri di una professione sempre più qualificata”.

Il convegno  – che prevede, come di consueto, la partecipazione di validi professionisti  del settore, tra cui avvocati, docenti universitari  ed esperti del settore bancario e di mediazione immobiliare – avrà ad oggetto l’analisi del ruolo sempre più qualificato del mediatore immobiliare,  oggi  figura  di riferimento,  in un mercato immobiliare che si sta riprendendo,  per molti compratori/venditori.

In questo contesto, si evidenzierà come  l’evoluzione normativa e  regolamentare imponga  l’acquisizione di competenze sempre più stringenti in ambito tecnico- giuridico ed urbanistico-edilizio, che interessano non solo gli agenti immobiliari ma chiunque intenda acquistare o vendere un immobile, con uno sguardo particolare alla normativa di anti riciclaggio.

Pagina 1 di 512345