Vito Scafidi

Blog Archives

Nuovi crolli e sicurezza nelle scuole:
il caso di Vito Scafidi a Uno Mattina in Famiglia

Rassegna stampa0 comments

Era il 22 novembre del 2008 quando un soffitto crollò in un’aula del liceo scientifico Charles Darwin di Rivoli. Quel crollo costò la vita a Vito Scafidi, uno studente di 17 anni che aveva come unica «colpa» quella di trovarsi in quel posto proprio in quel momento. Il nostro Studio Legale  in questi otto lunghi anni è stato sempre al fianco della famiglia Scafidi, della mamma Cinzia Caggiano, del papà Fortunato e della sorella Paola.  Il caso di Vito ha fatto giurisprudenza, perché mai si era verificato in una scuola un episodio così grave. Da allora molte cose sono cambiate, ma le scuole continuano a cadere a pezzi e il problema della sicurezza non è risolto.

Domenica  16 ottobre,  l’avvocato Renato Ambrosio e Cinzia Caggiano hanno partecipato a Uno Mattina in Famiglia, il programma della domenica mattina di Rai Uno. Ecco il servizio nel quale si è affrontato, dopo i crolli registrati nelle scorse settimane in altri istituti scolastici, il tema della sicurezza nelle scuole e si è ricordato il caso di Vito.

____

Crollo del Darwin, la mamma di Vito rifiuta due milioni e fa causa alla Città metropolitana

Rassegna stampa, Senza categoria0 comments

La Stampa

di Andrea Rossi

Cinzia Caggiano, la mamma di Vito Scafidi, morto a 17 anni nel crollo di un controsoffitto al liceo Darwin di Rivoli, il 22 novembre 2008, ha fatto causa alla Città metropolitana (l’ex Provincia) per ottenere un risarcimento da danno aggravato da condotta.

La donna, che a differenza degli altri famigliari (il papà di Vito, la sorella e i nonni la cui causa civile è già terminata con un risarcimento di 1,4 milioni) si era costituita parte civile nel processo penale, ha dovuto attendere la sentenza della Cassazione che ha reso definitive le condanne per i sei imputati, tre funzionari della Provincia e tre insegnanti responsabile del Servizio prevenzione e protezione. Ora anche lei chiede un risarcimento: «Non mi interessano i soldi. Mi hanno offerto due milioni per evitare questo processo ma li ho rifiutati». Continua a leggere

Alla famiglia di Vito Scafidi una cifra record

Approfondimenti, Approfondimenti: Risarcimento danni – Responsabilità civile, Rassegna stampa0 comments

«Una sentenza che farà giurisprudenza». Così gli avvocati dello studio Ambrosio & Commodo di Torino definiscono la sentenza della quarta sezione civile di Torino, giudice Anna Castellino, che ha condannato l’ex Provincia a risarcire con circa 1,4 milioni di euro i familiari per la morte di Vito Scafidi (di cui oltre 800 mila euro già liquidati dall’ex Provincia Prima del Giudizio sulla base di quanto previsto dai massimi tabellari), ucciso dal crollo del contro soffitto nella sua aula nel liceo scientifico Darwin di Rivoli. Somma nella quale non è computato il risarcimento dovuto alla madre del giovane Vito Scafidi (che potrebbe portare i risarcimenti ben oltre i 2 milioni di euro, posto che questa somme è già stata raggiunta se si considerano le provvisionali liquidate alla madre dalla Provincia di Torino) che a breve proporrà anch’essa azione civile per il risarcimento dei danni, dopo aver ottenuto importanti risultanti sul versante penale (condanna definitiva di 6 imputati) grazie all’assistenza dell’Avv. Paolo Zancan.

Dell’azione civile si sono occupati l’Avv. Renato Ambrosio, l’Avv. Gaetano Catalano, l’Avv. Gino M.D. Arnone.

Per la prima volta in Italia si va espressamente oltre i massimali della Tabella di Milano e si riconosce la validità della dottrina del danno aggravato dalla condotta, figura risarcitoria innovativa e la cui teoria si trova ben enucleata  nella prima monografia italiana sul tema pubblicata dal Prof. Pier Giuseppe Monateri e dall’Avv. Gino M.D. Arnone , “Il dolo, la colpa e i risarcimenti aggravati dalla condotta”, 2014.  Entrambi gli autori prestano la loro attività presso lo Studio Legale Associato Ambrosio & Commodo.

Segnaliamo per completezza che il primo autore italiano ad aver gettato le basi per quello che poi sarebbe divenuto il danno aggravato dalla condotta è il Prof. Paolo Cendon, autore nel 1976 della monografia“Il dolo nella responsabilità extracontrattuale” e con cui l’Avv. Gino M.D. Arnone ha avuto modo di pubblicare recentemente un altro interessante saggio scientifico dal titolo “Il quantum del danno aggravato dalla condotta” in cui per la prima volta nel 2014 (23.07.2014, www.personaedanno.it) è stato proposto un sistema di calcolo basato su una scala decimale di moltiplicatori.

La sentenza del tribunale di Torino, nel superare i massimi tabellari, ha proprio applicato un multiplo nella quantificazione del danno.


Intervista a Paola Scafidi, sorella di Vito, e alla madre, Cinzia Caggiano.
Servizio di Patrizio Romano (La Stampa.it).

 


Intervista all’Avv. Renato Ambrosio sul caso Scafidi.
Primantenna TV – Luglio 2015.


Altri articoli per la rassegna stampa: